google-site-verification=-8XdTUxTyLISY_15KUhinERIgjDuJ70i5FbsfeTxadc
Dottoressa Claudia M. Giagnoni

CHI È CLAUDIA GIAGNONI

Dottoressa Claudia Giagnoni2Mi sono laureata nel 2003 all’Università di Milano e specializzata in Dermatologia e Venereologia nel 2007 all’Università di Brescia.

Già durante il mio percorso di studi mi sono interessata a discipline integrative che permettessero la comprensione più completa del vissuto di una persona. L’ipnosi ericksoniana, l’interpretazione dei sogni e la microgestualità mi hanno fornito una visione ampia del prossimo e dei suoi comportamenti e hanno permesso anche una maggiore introspezione personale. Più si inizia a capire e più ci si domanda, quindi ho proseguito questa integrazione anche dopo la specializzazione interessandomi delle discipline olistiche di medicina complementare.

Nel 2014 ho frequentato il corso di formazione “Biofisica Medica Clinica” dell’Università di Milano.

Nel 2015 ho conseguito il diploma di “Medico esperto in omeopatia, omotossicologia e discipline integrate” e il riconoscimento internazionale della ISHOHO – International Society of Homotoxicology and Homeopathy.

Dal 2013 seguo i seminari del Dottor Bodo Köhler sulla Medicina Conforme alla Vita e nel 2015 mi sono iscritta alla scuola triennale di formazione.

Dal 2014 partecipo ai corsi di formazione del metodo “Quadtrinity” per l’uso delle frequenze elettromagnetiche come strumento di benessere e riequilibrio.

Nel 2015  ho frequentato il Percorso Formativo Annuale in Microimmunoterapia, Omotossicologia e Low Dose Medicine, che mi ha permesso di studiare nuove strategie terapeutiche sicure e di comprovata efficacia.

Nel mio ambulatorio pratico una medicina olistica che spazia dal controllo dei nei alla mesoterapia con farmaci omeopatici o omotossicologici, dal curettage delle verruche al trattamento con frequenze elettromagnetiche. La visita parte naturalmente dalla valutazione della cute e viene integrata con anamnesi nutrizionale, virale o emozionale. Il colloquio col paziente diventa fondamentale per risalire alla motivazione iniziale che ha portato al disturbo presente. L’integrazione con dati di laboratorio non è sempre fondamentale. Sicuramente le informazioni fornite dal pannello linfocitario (rilevabile con un semplice esame del sangue) fotografano bene l’equilibrio dell’organismo nel suo complesso.